Sindrome dell’ovaio policistico: l’infertilità è la principale conseguenza

La sindrome dell’ovaio policistico (PCOS) è una sindrome molto complessa che interessa circa il 5-10% della popolazione femminile in età fertile. «Il nome della sindrome è dato dall’aspetto ecografico dell’ovaio che appare ricoperto da tante piccole aree ipoecogene (microcisti) distribuite per lo più lungo la superficie esterna dell’ovaio stesso (a collana di perle) – spiega la dott.ssa Giuseppina Picconeri ginecologa esperta in Riproduzione Assistita del Nike Medical Center di Roma  che aggiunge – Le donne che presentano questa sindrome spesso lamentano cicli irregolari, fino all’ amenorrea, assenza per lunghi periodi del ciclo, per una alterazione del rapporto tra i due ormoni che regolano il ciclo mestruale, l’FSHe l’LH, con un aumento degli Estrogeni circolanti, che vengono poi trasformati in Androgeni responsabili dell’irsutismo uno dei sintomi che può accompagnare la PCOS ,oltre che responsabile delle alterazioni della secrezione sebacea e quindi della comparsa di acne.

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento