Senza figli: a Roma biologi e andrologi si alleano contro l’infertilità

Il fenomeno del calo delle nascite rende ormai infatti necessario una collaborazione tra le due aree della medicina, con la clinica Sanatrix di Roma scelta da Alessandro Palmieri, presidente della Società Italiana di Andrologia (Sia), er il suo CO.S.A. il Corso in Seminologia per Andrologi. Due giorni di aula tra teoria, esercitazioni pratiche e discussioni che faranno dialogare biologi e andrologi. “Il Lazio è una delle Regioni che più ha sofferto del calo di natalità: dal 2015 i nuovi nati sono passati da 48mila a 46.970 del 2016 (-2,3%) a 44.573 (- 4,9%) del 2017. È stato cosi’ raggiunto il minimo storico dall’Unità di Italia: l’8 per mille, che colloca il Lazio al sesto posto su 20 regioni”, precisa il presidente della Sia.

Le coppie cercano un figlio sempre più tardi e gli uomini in particolare non hanno una cultura della prevenzione: trascurano i problemi e quando la coppia sviluppa il desiderio di allargare la famiglia, spesso, è troppo tardi. “Il percorso della prevenzione dell’infertilità maschile è invece piuttosto semplice – sottolinea Fabrizio Ildefonso Scroppo, direttore del Corso – una visita specialistica periodica con esame obiettivo, una ecografia testicolare e l’analisi del liquido seminale (il cosiddetto spermiogramma)”. “Ma è il biologo specialista in andrologia a fare il ‘rating’ della fertilità – interviene Ilaria Ortensi, biologa e direttore del Corso – anche se bisogna precisare che le caratteristiche del liquido seminale non sono l’unico determinante della fertilità. Così come un uomo che abbia valori al di sotto di quelli considerati minimi non è necessariamente incapace a concepire”.

 

Continua a leggere

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento